Consulenza Fiscale | Societaria

Definizione di consulenza fiscale

Per definire la consulenza fiscale bisogna prima di tutto aver chiaro cosa si intenda per consulenza; questo termine deriva dall’inglese consulting e prevede l’attività di una persona competente, ovvero il consulente, per avere assistenza in una data materia.
Nello specifico il consulente è competente in materia fiscale ovvero in tutte quelle tematiche che riguardano gli adempimenti che un cittadino o una azienda devono versare allo stato o alle amministrazioni pubbliche locali.

Requisiti del consulente fiscale

Diciamo subito che per fare il consulente fiscale (detto anche tax advisors) non è richiesta nessuna certificazione formale quale diploma o corso di laurea.
E’ vero anche però, che solitamente lo diventa chi ha almeno un diploma in campo scientifico (tipicamente diploma di ragioniere) o una laurea in economia (meglio se economia e commercio o economia aziendale) o in giurisprudenza.
Come detto, non essendo indispensabile la qualifica, non è raro trovare professionisti che non abbiano le sopraindicate qualifiche ma provengano da esperienze lavorative nel campo delle imposte (è il caso ad esempio di ex dipendenti delle Agenzie delle Entrate).

I servizi del consulente fiscale

Il tax advisors fornisce una serie di servizi a privati o aziende che non riguardano solo le scadenze di tributi o la compilazione di dichiarazioni, ma quello che si instaura tra il cliente ed il consulente è un rapporto di fiducia necessario perché il servizio risulti efficiente.
Qui di seguito andiamo ad elencare e descrivere brevemente i principali servizi che il consulente fiscale garantisce al suo cliente.

Contabilità e Fiscalità aziendale

Il consulente va costituire il bilancio di esercizio tenendo conto dei principi contabili nazionali ed internazionali;

Contenzioso tributario

Segue l’iter di atti giuridici (detto procedimento giurisdizionale) per le controversie in materia di tributi sorte tra il cliente e l’amministrazione finanziaria;

Operazioni straordinarie

Queste operazioni riguardano le società che stanno subendo trasformazioni, scissioni, cessioni, fusioni o liquidazioni;
in questo caso il consulente fiscale esamina le pratiche (sia dal punto di vista fiscale ma anche da quello civilistico e quello operativo) e da indicazioni sul riordinamento o sulla razionalizzazione dell’azienda;

Pianificazione fiscale internazionale

Questo servizio è imprescindibile nel caso in cui il cliente, sia esso una società o un cittadino, abbia redditi, investimenti o attività in paesi esteri o, allo stesso modo, un cliente estero li abbia in Italia; infatti le norme fiscali internazionali possono, se non rispettate, causare problematiche di natura fiscale difficili da risolvere e con esborsi molto maggiori di quello che sarebbe stato dovuto;

Dichiarazione dei redditi

Questo servizio annuale con il quale il contribuente comunica al fisco le proprie entrate attraverso il modello 730;

Dichiarazione di successione

Questo servizio, che deve essere presentato all’ agenzia delle entrate, sancisce il trasferimento del patrimonio da soggetti defunti ai suoi successori;

Fatturazione elettronica

E’ il nuovo servizio adottato dalle amministrazioni pubbliche di emettere, trasmettere e conservare le fatture atto ad eliminare lo spreco di
carta ed i relativi costi di spedizione e di conservazione.

Ulteriori skills del consulente fiscale

Oltre ai servizi richiesti sopracitati al consulente fiscale sono richieste altre abilità che ora andremo ad elencare.

Project financing

Con questo progetto comparso per la prima volta nella legge 415 del 1998 e successivamente modificato da vari decreti legislativi (il 163 del 2006, il 113 del 2007 e il 152/2008), si intende un finanziamento di un progetto da parte di privati per la realizzazione di opere pubbliche con ritorni finanziari come rimborso per l’investimento.

Real Estate

Il consulente finanziario si deve saper occupare anche del campo immobiliare non inteso solo come compra – vendita di immobili ma di tutto il possibile buisiness che gira attorno ad esso.

Tassazione degli expatriates

Questa particolare tassazione è fondamentale per quei lavoratori che lavorano all’estero per lunghi periodi ma mantengono la residenza fiscale nel nostro paese.

Transfer pricing

I prezzi di trasferimento delle operazioni interne tra lo stesso gruppo.

Indirect tax (IVA, IVA internazionale e dazi doganali)

Le imposte indirette sono quelle tasse riscosse da un intermediario (ad esempio un negozio) dal consumatore. Sarà poi l’intermediario attraverso la propria denuncia dei redditi a restituire allo stato quanto dovuto.
Queste formule spesso possono causare problemi ai flussi di cassa, sarà cura del consulente fiscale di non renderle “invisibili” con conseguenze che potrebbero risultare molto spiacevoli.

Consulenza Fiscale nel mondo

Per un consulente fiscale che ambisce ad operare anche all’estero è fondamentale conseguire una certificazione internazionale; Andiamo qui di seguito a farne una breve carrellata.

Consulente fiscale accreditato (ATA)

L’ Accredited Tax Advisor (ATA) è la più ambita tra le certificazioni tra i consulenti fiscali tra i requisiti per ottenerla ci sono almeno tre anni di esperienza lavorativa nel campo fiscale.

La qualifica di CPA e requisiti d’esame

La qualifica di Certified Public Accountant (CPA), richiede i seguenti requisiti:

  • formazione con 150 ore di corso in un semestre;
  • almeno un anno di lavoro;
  • il superamento di quattro esami.

Limitazioni CPA

Per diventare CPA è necessario sostenere l’esame in America ed i requisiti
variano a seconda dello Stato in cui si sostiene, in https://www.thiswaytocpa.com/exam-licensure/state-requirements/ si possono verificare.

Certificazioni britanniche ICAEW, AAT, ACCA e CIMA

Le certificazioni rilasciate da istituiti di contabilità britannici, hanno validità nei paesi con sistemi di common law ovvero con ordinamento giuridico di impostazione britannica. Rispetto al CPA sono più semplici da conseguire.

Lavorare come consulente fiscale

Formazione richiesta al professionista fiscale

Come detto inizialmente non è richiesta nessuna certificazione formale è comunque apprezzata la presenza di una certificazione internazionale.

Iscrizione all’albo: è ancora obbligatoria per la consulenza fiscale

L’iscrizione all’albo per la consulenza fiscale risulta essere ancora obbligatoria come decisa nella sentenza 10100 del 2011 la Cassazione. E’ quindi punibile penalmente chi esercita abusivamente la proffessione.

Aggiornamento fiscale

L’evoluzione continua delle leggi in materia fiscale, sia a livello nazionale sia a livello internazionale, necessita che il consulente debba tenere aggiornato il cliente sulle modifiche apportare e ad esaminarne i problemi relativi alla loro applicazione.
Il metodo per fornire questo servizio può essere l’invio periodico di newsletter oppure organizzare incontri personalizzati per spiegare le nuove norme e le possibili loro applicazioni.

Consulenza fiscale e tributaria a confronto

Fiscale e tributaria sono consulenze che spesso si accavallano tra loro ma che si dividono nella sostanza: la prima indirizza il contribuente nelle scelte operative in base all’attività che svolge, mentre la seconda a più un carattere giuridico su situazioni createsi nei confronti del contribuente (ad esempio fermi amministrativi o cartelle esattoriali)

Consulenza Fiscale ultima modifica: 2018-09-18T11:34:43+00:00 da Dr. Andrea Raffaele