Come trovare il Fondo perduto » Societaria.it
Fondo perduto: Cos’è e Come trovarlo

Fondo perduto: Cos’è e Come trovarlo

  • 12
  •  
  •  
  •  
Il fondo perduto è un finanziamento che serve da stimolo e da incentivo per i giovani che vogliono avviare una nuova impresa o che vogliono ampliarne una già costituita.

Caratteristiche dei finanziamenti a fondo perduto

La peculiarità di tali fondi è che non è prevista la restituzione dell’importo concesso. Però i bandi, in alcuni casi e a certe condizioni, ricorrendone anche i requisiti, possono prevedere una restituzione parziale del capitale finanziato.

In genere, però i finanziamenti che promuovono lo sviluppo economico e l’autoimpiego nel Paese sono a fondo perduto.

Tali finanziamenti possono essere finanziati da fondi europei, statali, regionali, dalle province, dai comuni ma anche dai fondi nazionali gestita da Invitalia.

Esistono diverse tipologie di finanziamenti, alcuni sono rivolti a donne per favorire l’imprenditoria femminile, altri a giovani dai 30 ai 35 anni che risiedono in zone d’Italia più svantaggiate nel settore occupazionale.

Periodicamente gli enti istituzionali provvedono a pubblicare i bandi, accessibili mediante i rispettivi siti online, www.invitalia.it

La domanda va presentata telematicamente, alla stessa va allegata un buon business plan. In genere per la sua corretta redazione ci si fa aiutare da un professionista del settore, un dottore commercialista, un avvocato o un consulente finanziario.

Inoltre i prestiti a fondo perduto possono essere cumulati tra di loro, cosicché è possibile che un giovane riceva fondi sia per l’apertura della sua start up che successivamente per la crescita e lo sviluppo della sua impresa.

Limiti, Vincoli e Obblighi del beneficiario

Chi riceve il prestito a fondo perduto è tenuto ad osservare alcuni obblighi inderogabili. Innanzitutto il giovane deve garantire, per un periodo di 5 anni, l’esercizio dell’attività per la quale ha ottenuto il finanziamento, che decorre dalla data del suo inizio effettivo.

Allo stesso modo, deve mantenere, contemporaneamente, anche la sede operativa dell’impresa nei territori agevolati.

Inoltre, gli stessi beni oggetto dell’agevolazione hanno un vincolo di destinazione che non può essere modificato da quello per il quale sono stati acquistati, sempre, per un periodo minimo di cinque anni dalla data di effettivo esercizio dell’attività e fino all’estinzione del mutuo.

Fondo perduto: nuove imprese a tasso zero

Il decreto MISE 140/2015 ha previsto per i giovani dai 35 anni e le donne che hanno creato da meno di dodici mesi un‘impresa la possibilità di accedere ai finanziamenti agevolati per investimenti a tasso zero.

Le rate sono semestrali e saranno restituite in otto anni.

L’impresa deve coprire l’investimento con risorse proprie o ricorrendo ad un finanziamento esterno pari al 25% delle spese ammissibili complessive, ma non un finanziamento pubblico.

Le spese ammissibili sono quelle relative all’investimento a partire dalla data in cui l’impresa è stata costituita, o la domanda è stata presentata. Oggetto delle spese ammissibili sono l’acquisto di beni materiali come i fabbricati, macchinari, impianti, software, terreni aziendali e beni immateriali come i marchi, i brevetti, le licenze, i corsi di formazione dei propri collaboratori.

Storie di successo: maggiordomo digitale a Milano e ricetta culinaria a domicilio a Roma

Un’idea di start up senz’altro innovativa e curiosa arriva da Milano, nel 2015 nasce Uman, una start up che opera nel settore dei servizi alla persona, un maggiordomo digitale attivo h24 che ritira e consegna vestiti, scarpe e accessori sia a casa che in ufficio.

Per usufruire del servizio è sufficiente prenotare tramite una piattaforma online, accedendo al sito http://myluman.com/ e al massimo in 48 sarete soddisfatti.

Questo servizio è attivo su Roma, Torino, Milano, Bologna, Firenze. Trai maggiori clienti troviamo Accenture, Dolce & Gabbana, Fastweb, Generali, Banca Intesa, Hogan, Zurich, Microsoft etc. Questo servizio nasce per andare incontro alle esigenze di chi non ha tempo per dedicarsi ai servizi quotidiani.

A Roma invece nasce CUC, un’app molto divertente, che si scarica sul proprio smartphone, ma anche sul proprio PC, https://cuc.bio/, consente in pochi click di ricevere direttamente a casa gli ingredienti per il proprio piatto preferito.

Gli ingredienti arriveranno a casa già pesati e puliti pronti per preparare il piatto per il numero di persone desiderate.

In genere le startup, nuove imprese a tasso zero, più promettenti sono proprio quelle sostenute da Invitalia grazie ai finanziamenti e ai riconoscimenti concessi.
Per merito dei finanziamenti a fondo perduto sono stati creati nuovi posti di lavoro, fondati principalmente sull’autoimpiego e sull’autoimprenditoria.

I dati sono incoraggianti, perché non richiedi anche tu una consulenza, per fatti guidare, e consigliare, da professionisti esperti nella scelta della tua start up?

Come trovare il Fondo perduto ultima modifica: 2018-06-14T08:01:09+02:00 da Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Corporate Tax Consultant, Advisor e CTU del Tribunale di Roma con una solida esperienza Aziendale in attività di Amministrazione, Finanza, Controllo di Gestione, Pianificazione Strategica, Business Planning, HR e di gestione di progetti di Start-up aziendali, di Riorganizzazione e Change Management maturata in prestigiose aziende Nazionali e Internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *