Tutto quello che devi sapere sulla Ditta Individuale: consigli pratici e costi di gestione » Societaria.it

Tutto quello che devi sapere sulla Ditta Individuale: consigli pratici e costi di gestione

Tutto quello che devi sapere sulla Ditta Individuale: consigli pratici e costi di gestione

Tutto quello che devi sapere sulla Ditta Individuale: consigli pratici e costi di gestione

  • 12
  •  
  •  
  •  
L’impresa Individuale è il primo passo di tutti coloro che hanno deciso di mettersi in proprio per poter lavorare mettendo sul mercato prodotti e servizi al cliente.

Se anche tu hai deciso di aprire la tua Ditta, avendo come riferimento Renzo Rosso, patron della Diesel, che ha raggiunto il successo partendo da zero e stai iniziando a trovare i primi ostacoli, dubbi sulla questione, cerchiamo di chiarirli con questo articolo, iniziando a definire di cosa si tratta e fornendo qualche dritta pratica su come gestire il tutto.

Cosa è la Ditta Individuale

La ditta (o impresa) individuale è una attività che fa capo ad una sola persona, definita imprenditore o titolare.

In sostanza, si tratta del mezzo attraverso cui l’impreditore svolge la sua attività lavorativa, producendo o scambiando beni e servizi come ci dice l’articolo 2082 del Codice Civile, rispondendo con il suo capitale / patrimonio nel bene e nel male: ad esempio, se hai intenzione di chiedere un prestito dovrai essere pronto a coprirlo anche attingendo ai tuoi possedimenti personali, nel caso in cui gli incassi siano pochi!

Come aprire una ditta individuale

Avviare una ditta individuale non è assolutamente complicato, ed è la scelta migliore che consigliamo a tutti coloro che vogliono aprire un negozio o offrire determinati servizi al cliente.

Basta solo aprire partita IVA, iscrivere la tua impresa al registro delle imprese, all’INPS e all’INAIL (a seconda del tipo di lavoro tu sia intenzionato a svolgere).

Dopo la Riforma del 2010, si possono sbrigare le pratiche raggruppandole nella Comunicazione Unica, indirizzata a Camere di Commercio e amministrazioni, che – se eseguita da un bravo commercialista – permette di risparmiare un bel po’ di tempo alleggerendo di molto il carico burocratico.

Costi della Ditta Individuale

Anche a livello di costi, devi sapere che la Ditta Individuale è una delle formule più convenienti: a parte di costi per l’apertura della partita IVA, non richiesto il versamento del capitale al momento della costituzione.

Al di là di questo, bisogna affrontare una serie di spese fisse che vanno oltre quelle necessarie ai mezzi, materiali e logistica della propria attività, come quelle per la contabilità, da affidare ad un commercialista valido, che varia a seconda del volume di affari; i contributi Previdenziali INPS, che cambiano in base al tipo di lavoro che si esegue; infine abbiamo la tassazione, che aumenta con l’aumentare degli incassi.
In linea di massima possiamo fare un esempio, considerando una ditta che apre con il regime dei minimi: questa arriverà a pagare un’imposta sostitutiva del 5% sull’imponibile, che si definisce facendo la differenza tra spese e entrate, INPS compresa.

Una ditta con il regime ordinario, al contrario, dovrà purtroppo pagare l’Irpef al 23% in salita progressiva con l’aumentare degli introiti.

Conclusione

L’apertura di una ditta individuale è consigliabile a tutti coloro che sono responsabili diretti della propria attività lavorativa.

In concreto, se sei un impreditore che è allo stesso tempo suo unico titolare, come ad esempio, un architetto, un ingegnere, un medico, commercialista, consulente fino ad arrivare al parrucchiere o personal trainer, hai trovato il modello che materialmente fa per te: in questi casi specifici questa formula offre dei vantaggi che si toccano con mano.

E tu se i sicuro di sfruttare il massimo da questa tipologia di formula di impiego?

Tutto quello che devi sapere sulla Ditta Individuale: consigli pratici e costi di gestione ultima modifica: 2018-05-09T10:01:17+02:00 da Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Dr. Andrea Raffaele
Corporate Tax Consultant, Advisor e CTU del Tribunale di Roma con una solida esperienza Aziendale in attività di Amministrazione, Finanza, Controllo di Gestione, Pianificazione Strategica, Business Planning, HR e di gestione di progetti di Start-up aziendali, di Riorganizzazione e Change Management maturata in prestigiose aziende Nazionali e Internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *