Consulenza Finanziaria | Societaria

Grazie alla profonda conoscenza del mondo bancario e dei suoi criteri valutativi, siamo in grado di massimizzare la capacità dell’impresa di dialogare con gli istituti di credito. Il nostro ruolo può essere assimilato a quello di un “traduttore”: l’impresa ci racconta la sua storia, i suoi obiettivi e la sua mission e noi la traduciamo nel linguaggio parlato dalle banche, dando un supporto in ogni fase del processo di finanziamento.

La consulenza offerta si concentra sull’analisi dei bilanci aziendali e del business, senza trascurare un approfondito studio del rating, dato fondamentale da conoscere per approcciarsi al mondo bancario. Lo scopo della nostra consulenza è suggerire tutte quelle operazioni volte a facilitare l’erogazione di nuovi finanziamenti e finalizzate alla riduzione dei tassi applicati o delle garanzie richieste alle imprese.

L’azienda non viene mai lasciata sola, dalla fase istruttoria alla delibera viene seguita dai nostri consulenti, in modo tale da lasciare l’imprenditore libero di fare impresa durante tutto l’iter procedurale.

Oggi andremo ad analizzare una figura cardine della finanza, ovvero il Financial Advisor tradotto in italiano in consulente finanziario.

Definizione di consulente finanziario

Si può definire consulente finanziario uno specialista in finanza e in tutti gli ambiti giuridici e fiscali ad essa associati, con particolare indirizzamento verso i servizi di investimento e gestione dei capitali facenti capo a istituzioni, società o privati.

Come tutelare gli investitori

L’attività che svolge un Financial Advisor è basata anche sull’assistenza che riesce a dare al cliente nella gestione dei capitali, proponendo strategie d’investimento che siano adeguate alle sue esigenze e rispettino le valutazioni di rischio fatte con il cliente stesso, in modo da tutelarlo senza esporlo a pericoli eccessivi.

Analisi degli obiettivi finanziari

Il consulente individua e propone al cliente degli obbiettivi che ritiene siano adeguati alle sue possibilità.

Analisi dell’ orizzonte temporale degli obiettivi

Sempre in un’ ottica di tutela del cliente, è buona norma che il promotore gli esponga il concetto di orizzonte temporale, ovvero quel periodo di tempo durante il quale il cliente rinuncia alla sua quota di capitale per investirla.

Analisi dell’attività produttiva del cliente

E’ fondamentale che il consulente finanziario conosca l’attività produttiva del cliente per poterne valutare le possibilità di sviluppo e rendita future.

Analisi patrimonio e liquidità

Il promotore valuta il patrimonio e la liquidità di cui dispone il cliente, questo risulta importante anche per aiutarlo a valutare i rischi che può prendersi.

Analisi mercati e rischi volatilità

L’analisi dei mercati finanziari nazionali ed internazionali sono alla base del lavoro del consulente finanziario, esso deve eseguirne un monitoraggio costante per capirne le dinamiche e cercare di anticiparne gli andamenti.

Quali dei costi associati all’investimento

Come ricorda AcomeA SGR(secondo classificato come Miglior Gestore Fondi italiani nella categoria Small dal Sole24Ore) va posta molta attenzione sui costi di gestione degli investimenti infatti, sopratutto su quelli a lungo termine, questi possono raggiungere valori altissimi cancellando, di fatto, il valore dell’investimento.

Valutazione rischi dell’investimento

Valutare i rischi significa capire la quota parte di patrimonio che il cliente è disposto a perdere se gli investimenti si rivelassero, anche solo temporaneamente, non positivi.

Che cosa prevede la pianificazione finanziaria?

Partendo dal concetto di pianificazione finanziaria ovvero da quel processo di analisi dei bisogni del cliente e delle sue aspettative di vita, si va a schedularne risparmi e consumi.
Come previsto anche dallo standard ISO 22222 per essere efficace questa pianificazione deve almeno comprendere questi quattro paragrafi

Pianificazione assicurativa

Questo processo è necessario per la tutela del cliente e del suo nucleo familiare rispetto ai rischi ai quali sono esposti.

Pianificazione successoria

In particolare l’attenzione deve soffermarsi sulla salute, sulla premorienza e sui beni reali(soprattutto quelli immobili).

Ottimizzazione fiscale e dei costi di gestione

L’ottimizzazione fiscale è l’analisi del patrimonio e della situazione finanziaria rapportata al regime fiscale nel quale si va ad operare; mentre i costi di gestione rappresentano l’analisi dei costi derivanti dai vari aspetti (ad esempio costo dei prodotti).

Protezione e previdenza

L’obbiettivo è saper consigliare le soluzioni più consone per garantire un tenore di vita adeguato ed un futuro senza l’agoscia dell’incertezza.

Come capire se ho bisogno di un consulente finanziario?

La possibilità di investire e far fruttare il capitale ha sicuramente bisogno di alta professionalità quindi, a fronte di questa necessità, rivolgersi ad un consulente risulta indispensabile.

Come diventare consulente finanziario

Per diventarlo occorre un diploma, laurea in campo economico e superare un test per poter iscriversi all’albo unico dei consulenti finanziari.

Che qualifiche ha il consulente finanziario?

Essere in possesso di requisiti di onorabilità e professionalità come previsto dalle direttive CONSOB.

Normativa sulla consulenza finanziaria

Ci sono numerose normative che regolamentano la consulenza, in particolare segnaliamo la direttiva MiFID che pone le basi per il mercato finanziario integrato dell’ Unione Europea.

Quale supporto da il consulente finanziario

Esso supporta l’investitore in tutte le fasi: l’analisi, le proposte, gli investimenti, il monitoraggio ed il report dei risultati ottenuti.

L’evoluzione della consulenza finanziaria in Italia

Nel 2007 l’Italia ha recepito la MiFID anche per ciò che riguarda i test di appropiatezza; inoltre nel 2009 ha stabilito il dovere da parte del promotore di informare sempre dei rischi il cliente.

Come possono fidarsi i risparmiatori dei consulenti finanziari

Un risparmiatore deve scegliere attentamente a chi affidare il proprio patrimonio, valutandone storia professionale e affidabilità.

Checklist di domande da fare al vostro consulente finanziario

– E’ iscritto all’albo?
– Da quanto tempo lavora in questo campo?
– Propone prodotti limitati o spazia su tutti i prodotti di mercato?

Consulenza Finanziaria ultima modifica: 2018-10-20T12:17:10+00:00 da Dr. Andrea Raffaele